Presentata la Via Ellenica del Cammino Materano a Crispiano

Notizie

02-05-2019

Lunedì 29 aprile, presso la Sala Consiliare del Comune di Crispiano, è stata presentata la Via Ellenica del Cammino Materano, un percorso di circa 370 km che collega Brindisi a Matera in sedici tappe, unendo due siti UNESCO, i meravigliosi borghi della Valle d'Itria e il paradiso naturalistico del Parco delle Gravine.

Alla presenza degli amministratori di Crispiano, Ginosa, Mottola, Cisternino, del Gal Alto Salento, dei gestori del Bosco delle Pianelle, dei referenti dell'Ecomuseo della Valle d'Itria e di alcuni operatori locali, sono intervenuti Angelofabio Attolico (Regione Puglia), Lorenzo Lozito e Claudio Focarazzo (ideatori del Cammino) e Marcello Carrozzo (gestore del primo ostello "pellegrino" del tracciato).

Il Cammino, già percorso da numerosi gruppi organizzati negli ultimi due anni, sarà aperto alla fruizione individuale nel corso dell'estate 2019: non un progetto sulla carta quindi, ma una realtà che è pronta a partire a brevissimo, dopo gli ultimi passaggi organizzativi di rifinitura, su cui i viandanti ripongono numerose aspettative dopo il grande successo della Via Peuceta (Bari Matera)

Ai nastri di partenza vi sono anche i comitati di tappa, che si sono già costituiti a Ginosa, Laterza, Crispiano, Mottola, Martina Franca: a breve è prevista anche l'istituzione del comitato brindisino.

Per ciò che concerne le strutture ricettive e ristorative saranno inserite nella rete solo quelle che rispondono a determinati requisiti, non solo di prezzo e di servizi, ma anche di accoglienza.

Il Cammino sarà bidirezionale e sarà possibile ricevete il testimonium non solo a Matera, ma anche a Brindisi a Crispiano (la "cartula di metà percorso"), purché si certifichi di aver percorso a piedi almeno cento chilometri. 

Tale certificazione avverrà mediante gli ormai famosi sigilla del materano che è obbligatorio apporre ad ogni punto tappa sulla credenziale, vero e proprio passaporto del pellegrino., distribuita dai gestori della via. 

Non rimane che attendere ancora qualche mese e mettersi in cammino!





Ultimi articoli