Ristorazione


“Se cercate un’esperienza mistica, un cammino esistenziale, un viaggio “etereo” durante il quale dimenticare i piaceri terreni e vivere di solo spirito, scegliete un’altra via. Quello Materano è il primo cammino goliardico del Belpaese: si suda e si fatica, naturalmente, si vive immersi in una natura selvaggia e bellissima, ma non si può prescindere dai profumi e dai sapori di una cucina senza eguali e dagli incontri con gente ospitale e piena di spirito. Questo è l’unico cammino da cui si torna ingrassati”

Andrea Mattei - Giornalista e scrittore, parlando della Via Peuceta

La ristorazione, selezionata e basata su prodotti tipici del territorio, è infatti uno dei punti forti del Cammino!

In ogni punto tappa è possibile scegliere un menu pellegrino che generalmente si aggira tra i 15 e i 20 euro, oppure di ordinare alla carta.

Una cosa importante da ricordare è che non essendoci generalmente abitati intermedi tra il punto di partenza e il punto di arrivo della tappa è fondamentale provvedere a portarsi nello zaino il cibo e l’acqua necessari per il fabbisogno della giornata. Solo in pochi casi, come per esempio nelle tappe Cassano - Santeramo e Santeramo - Altamura, è possibile fare dei rifornimenti intermedi presso le masserie che si incontrano sul cammino.